1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Itinerario Mariano

L'itinerario mariano ha come percorso e riferimento i santuari dedicati alla Vergine Maria. Esiste un'intima relazione tra il culto mariano e gli antichi percorsi della transumanza. Santuari e chiese mariane si trovano in tutto il mondo cattolico ed anche la nostra regione non fa eccezione.

Essi sono localizzati soprattutto lungo i tratturi o nelle immediate vicinanze di essi. A Maria si richiedeva la protezione divina per affrontare i rischi del viaggio e contro le forze del male.

Montenero di Bisaccia - Santuario Maria Santissima di Bisaccia

La chiesa, dedicata a Maria Santissima di Bisaccia, fu edificata a circa un chilometro dal centro abitato, nei pressi del tratturo S. Maria di Centurelle-Montesecco.
 
Il Santuario originario era ad una sola navata poi, a causa di movimenti franosi che lo hanno interessato, fu abbandonata e ricostruita a tre navate.
 
All'interno si conserva un antico quadro della Madonna di Bisaccia che divenuto meta di molti pellegrinaggi provenienti dai paesi limitrofi.


 

Roccavivara - Santuario S. Maria di Canneto

Il Santuario di Santa Maria del Canneto situato sul braccio di collegamento tra i tratturi della costa adriatica e quello Foggia-Ateleta, nei pressi del letto del fiume Trigno.
 
La chiesa fu edificata alla met del XII secolo, nei pressi dei resti di una villa romana. Essa presenta una magnifica struttura romanica ed affiancata da un imponente torre campanaria. La pianta a tre navate, divise a sinistra da pilastri e a destra da colonne dissimili nella base, nel fusto e nei capitelli. Da notare anche la Statua della Vergine con Bambino ed il Crocifisso, entrambe pregiate sculture lignee del XIV secolo.


 

Matrice - S. Maria della Strada

Percorrendo la ss. 87, appena dopo aver superato il bivio in agro del comune di Matrice, su una stupenda collina in aperta campagna ai bordi del braccio tratturale Cortile-Centocelle, si trova la chiesa di S. Maria della Strada, gioiello di arte romanica nella regione dell'XI-XII secolo.
Fu edificata nei pressi delle rovine di una villa romana ed apparteneva ad un piccolo monastero di benedettini.
 

I bassorilievi, gli ornamenti esterni ed il campanile, costruito a margine della chiesa, collocano l'opera nel puro stile romanico anche se, all'interno, affiorano sui capitelli influenze arabe e bizantine.
La chiesa a tre navate (simbolo della Trinit), terminanti con altrettanti absidi, con dodici colonne (simbolo dei dodici apostoli) ed a croce greca. Le colonne portano capitelli ognuno diverso dall'altro, con eleganti disegni vegetali. Il tempio rivolto verso oriente, dove sorge il sole (simbolo di Cristo). Le finestre sono alte e strette, tipo feritoie, e lasciano filtrare poca luce e poca aria. La muratura a blocchi quadrati di calcare a nummuliti ed priva di intonaco sia all'interno che all'esterno. La presenza di nummuliti conferisce alla chiesa un'ulteriore nota di attrazione di tipo scientifico ( un museo paleontologico all'aperto).
 

Ci che subito colpisce la statua in legno della Madonna con il Bambino tra le braccia che nella mano regge una palla (simbolo del mondo).
Furono i monaci Basiliani (greci) a erigere sulla bella collina un tempio in onore della Madonna della Strada, e forse furono loro a portarla dalla loro terra. L'espressione della Madonna e l'atteggiamento del Bambino danno la conferma che sono l a proteggere e ad aiutare tutta la gente del mondo su ogni strada.
Nella nicchia, dietro la statua, sono ancora visibili alcune figure angeliche.
Il Crocifisso in legno, posto sulla parete sinistra, colpisce per la sua espressione serena e per il suo dolce abbandono.

 

Riccia - Santa Maria del Carmine

Tappa interessante dell'itinerario mariano, con la Chiesa intitolata a S.Maria del Carmine, Riccia.
 
Annessa all'antico convento dei padri Carmelitani situata nei pressi del centro abitato, in contrada Crocella. Essa presenta all'interno due pregevoli altari del cinquecento dedicati a S.Gregorio ed a S. Filomena con archi a tutto sesto e la porta della sacrestia con fregi ad alto rilievo.


 

Cercemaggiore - Santa Maria della Libera

Lasciata Riccia, raggiungiamo la chiesa di Santa Maria della Libera di Cercemaggiore.
 
Di notevole interesse all'interno sono: una pregevolissima statua lignea trecentesca della Madonna, il campanile del 1503 e una tela del 1686, raffigurante la Madonna di Costantinopoli, opera di Tommaso Guarino.