1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Museo Provinciale Sannitico di Campobasso

...i Longobardi. Pare che si trovassero una meraviglia nella dolce terra del sud dove sboccia il gelsomino e fioriscono i limoni. Talmente bene, che qui si fecero seppellire armati con tutto il cavallo, come si può vedere al museo di Campobasso.

Paolo Rumiz

Museo Provinciale Sannitico

Indirizzo:
Via Chiarizia, 10
86100 Campobasso

 
Museo Provinciale Sannitico

IL MUSEO PROVINCIALE SANNITICO DI CAMPOBASSO. LE GENTI E I LUOGHI.

Il più antico museo del Molise si trova nel cuore del centro storico di Campobasso.
Il Museo Provinciale Sannitico nasce nel clima di grande fermento culturale post unitario che ha coinvolto la borghesia locale. Vicende alterne e molteplici cambi di sede hanno prodotto una graduale dispersione di reperti: dei circa duemila manufatti originari ne sono rimasti solo cinquecento. Dopo attenti interventi di restauro, dal 1995 la sede definitiva del museo diventa
Palazzo Mazzarotta in cui è stata allestita la collezione che si compone dei materiali della originaria raccolta alla quale si è aggiunto il ricco patrimonio proveniente dai recenti scavi archeologici molisani.
La nuova veste che la Soprintendenza ha dato al Museo Provinciale mira ad ampliare le superfici espositive per migliorare la comunicazione dei contenuti. Negli ultimi venti anni si è accresciuta la conoscenza del patrimonio archeologico locale, pertanto era necessario esporre quanto venuto alla luce nelle recenti campagne di scavo sia dell'area costiera che dell'interno. Il visitatore viaggerà nel tempo e nei luoghi, in un percorso cronologico distribuito sui tre piani dell'edificio: al piano inferiore le epoche più antiche, dalla preistoria all'epoca arcaica, rappresentate da reperti paleolitici e neolitici
provenienti da villaggi o da necropoli; il piano intermedio, mostra il quadro complessivo dello sviluppo della civiltà sannitica dai suoi albori al declino, dati desunti dalle indagini nei centri abitati, luoghi di culto e necropoli. Nel grande salone centrale e negli annessi ambienti circostanti del piano superiore è stata allestita la sezione romana in cui materiali di diverso genere sono esposti secondo criteri tipologici: elementi scultorei, materiale per il commercio, corredi sepolcrali, strumenti di illuminazione e materiali architettonici. Si giunge così nella parte settentrionale dell'edificio, con le nuove sale destinate a uso museale, dove è collocata la sezione altomedievale con la ricostruzione integrale di sepolture maschili, femminili e dei cavalieri con il proprio cavallo di Campochiaro, e una selezione di monili femminili d'oro e d'argento e di cinture e armi maschili. Lungo il percorso sono allestite singole installazioni di reperti di pregio che ne sottolineano l'antica funzionalità; così la ricostruzione del telaio con l'esposizione dei pesi e delle fuseruole, il tymiatherion, ossia un bruciaprofumi diterracotta proveniente dal tempietto di Gildone o il sandalo di legno contornato
da reperti dedicati alla cura del corpo.
Il nuovo allestimento del Museo Provinciale Sannitico è un percorso di epoche, di genti e di luoghi che rivela al visitatore la molteplicità e la varietà di manufatti provenienti dai numerosi contesti insediativi che sono l'essenza storica di questa terra.

 
Cripta di San Casto, Trivento

Suggerimenti di viaggio

Lungo il corso del fiume Trigno, al confine con l'Abruzzo, puoi visitare la villa rustica di epoca romana situata all'interno del Santuario di Canneto in territorio di Roccavivara. Qui sono visibili i resti della parte produttiva dell'antica azienda agricola posta al lato della bellissima chiesa romanica, al cui interno è custodita la statua lignea del XIV sec. nota come la "Madonna del Sorriso".
Ti trovi sul territorio dell'antico municipio romano di Terventum, poi divenuto una delle più antiche Diocesi del Molise. All'interno della imponente Cattedrale dei SS. Nazario, Celso e Vittore di Trivento, si trova uno dei primi luoghi di culto cristiani, la Cripta di San Casto. Raggiungila percorrendo la
monumentale scalinata che caratterizza il borgo antico, passeggiando tra i vicoli. Non dimenticare di visitare il Museo Diocesano di Arte Sacra collocato in piazza Cattedrale.

 
Cripta rupestre, Pietracupa

Suggerimento Adriamuse

Poco distante da Trivento, lungo la strada per Campobasso, a Pietracupa è possibile visitare un'affascinante cripta rupestre ricavata interamente nella Morgia, la roccia attorno alla quale si è sviluppato il borgo antico.

 

Accessibilità

Come arrivare: da Piazza San Leonardo nel centro storico.
Orario di visita: aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 15.00 e dalle 15.30 alle 17.30
Biglietto: ingresso gratuito.
Persone diversamente abili: parzialmente accessibile.
Scuole e gruppi: max 100 persone.

Servizi

Servizi aggiuntivi: laboratori didattici 
Guardaroba

Contatti

www.archeologicamolise.beniculturali.it
Telefono: 0874/427360
Fax: 0874/427352