1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Il Castello di Termoli

Il Castello di Termoli

Indirizzo:
Borgo Vecchio
Via Montecastello 
86039 Termoli (CB)

 
Una delle torri
Una delle torri

Descrizione

Sorge nel borgo antico di Termoli; da un lato, è parte sostanziale del sistema difensivo della città di Termoli, rientra dall'altro nel ben più vasto sistema difensivo e di controllo sul territorio che portò l'imperatore Federico II di Svevia a intervenire sulle fortificazioni del Regno di Sicilia, in modo particolare lungo la costa adriatica e ionica fino alla Sicilia, per la creazione di una maglia fitta e funzionale alla difesa contro i turchi e contro i veneziani che imperversavano nell'adriatico.
Il mastio è a pianta quadrata con un basamento, pure quadrato, a scarpa per quasi tutta la sua altezza, assumendo pertanto un aspetto tronco piramidale; gli angoli del basamento si slargano superiormente in quattro torri a pianta circolare. La piattaforma superiore al basamento fa da spalto attorno alla torre che si eleva centralmente, terminando con un coronamento a mensole triangolari adatte a sostenere in origine un camminamento a sporgere, con caditoie. Le murature sono compatte, con piccole aperture che poi furono ampliate per diventare bocche per armi da fuoco. Gli angoli sono perfettamente disposti verso i punti cardinali. Lo spessore murario è considerevole cosicché lo spazio interno è molto ridotto, quanto bastava per assolvere alle sue funzioni militari.
Non è dato seguire con esattezza le vicende che nel corso dei secoli hanno interessato l'edificio. Si suppone che il nucleo originario fosse la torre centrale e che l'intervento effettuato da Federico II abbia interessato l'ampliamento e la sistemazione dello stesso, secondo i criteri di funzionalità e di decoro in atto dappertutto. Successivamente al disastroso terremoto del 1456 il castello fu restaurato da Ferdinando I di Aragona e, dopo l'introduzione della polvere da sparo, subì, come si è detto, adattamenti all'uso delle nuove armi.

 

Fonti e bibliografia:
Marino L., "Il castello di Termoli", Verona, 1975.

Accessibilità

Come arrivare: sul lungomare.
Orario di visita: su richiesta.
Biglietto: ingresso gratuito.
Informazioni e Prenotazioni: c/o il Comune; comunicare preventivamente la data, l'orario e il numero di persone.

Servizi

Servizi aggiuntivi: guida turistica.