1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Chiesa di S. Maria a Mare a Campomarino

La chiesa di S. Maria a Mare

Indirizzo:
Largo Santa Maria a Mare
86042 Campomarino (CB)

 

Cronologia generica

XII-XIII secolo con sostanziali modifiche degli inizi del XVIII secolo; cripta del XII secolo con affreschi del XVI secolo.

L'interno della cripta
L'interno della cripta

Descrizione

La chiesa di Santa Maria a Mare databile tra il XII e XIII secolo, pur avendo subito sostanziali modifiche agli inizi del XVIII secolo; la cripta sottostante l'edificio risale al XII secolo mentre la decorazione pittorica ad affresco databile al XVI secolo. Tracce dell'impianto romanico dell'edificio sono visibili sui muri perimetrali, in una porta oggi murata, nelle finestre ogivali sul lato destro dell'edificio e nell'abside di destra. Nel 1710 l'edificio ha subito consistenti modifiche, che portarono alla trasformazione in un'aula unica. La muratura in pietra, con conci ben levigati, frutto di materiale di recupero, ed caratterizzata da una serie di archetti pensili che posano su mensoline e su lesene laterali, come in altri edifici simili della zona molisana (ad es. nelle absidi di S. Nicola a Guglionesi), che risentono dell'influsso pisano-pugliese. Le absidi sono state messe in luce negli ultimi restauri, come anche le basi dei pilastri e delle colonne dell'edificio precedente. La cripta, che poggia su archi di grossi blocchi levigati e su semipilastri con colonnine coronate da capitelli a motivi vegetali, a pianta rettangolare con tre absidi, la cui posizione corrisponde esattamente a quella dell'edificio superiore. Lacerti di affreschi si posso ancora ammirare sulle pareti, in particolar modo sulla parete di sinistra, in cui si discernono facilmente le figure di San Nicola, in abito vescovile con titolazione accanto alla testa e la figura di un santo a cavallo con lancia, di difficile identificazione; non facile infatti capire se si tratti di San Giorgio o di San Demetrio; leggermente defilata la scena in cui si vede una figura maschile atterrata e schiacciata da un cavallo; tale raffigurazione pittorica fa pensare alle incursioni dei turchi sul litorale adriatico.
Il portale principale oggi non occupa pi la posizione originaria, in quanto stato spostato e collocato di fianco alla torre campanaria; la struttura del portale molto semplice ed costituita da una cornice triangolare in pietra, terminante in uno zoccolo sottile, che mediante un piccolo gradino conduce alla piazza prospiciente. La facciata della chiesa presenta tre finestre quadrangolari equidistanti; sul fianco destro dell'edificio, vicino alle absidi, si aprono due piccole finestre ogivali. La torre campanaria, rivestita in mattoni, divisa in tre sezioni al di sopra delle quali posizionato il campanile vero e proprio che si apre con monofore; la monofora che dava sull'entrata principale della chiesa stata oggi sostituita dall'orologio.

 

Fonti e bibliografia:
Carbone A., "Le Parrocchie del Molise", Ferrazzano, 2000.
Piedimonte G., "La Provincia di Campobasso", 1905.

Note

Aperta al pubblico.