1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Il Museo dei Misteri

 "Ora siamo in due" Peppe disse "e in due si viaggia meglio. Due è già una processione".

Giose Rimanelli

 

Museo dei Misteri, Campobasso

Indirizzo:
Via Trento, 3
86100 Campobasso

 
Museo dei Misteri, Campobasso

IL MUSEO DEI MISTERI DI CAMPOBASSO: L'ANTICA TRADIZIONE DEI BAMBINI SOSPESI

Il Museo dei Misteri di Campobasso custodisce, promuove e mantiene viva una delle tradizioni più forti e sentite della Regione: la Processione dei Misteri che si tiene il giorno del Corpus Domini lungo le strade della città. Una tradizione che nasce lontano, dalla antica volontà dei fedeli di rendere vivi gli episodi più significativi della fede, di solito conosciuti attraverso immagini dipinte o racconti orali, mettendo in scena rappresentazioni sacre in cui i personaggi, adeguatamente vestiti e atteggiati, creavano veri e propri quadri viventi.
A Campobasso nel 1740 si compie un salto di qualità rispetto alla tradizione, grazie al genio e all'abilità di un artista locale, Paolo Saverio Di Zinno. Scultore di buona qualità, a capo di una prolifica bottega che realizza opere di legno conservate ancora oggi in molte chiese molisane e non solo, il Di Zinno progetta e fa realizzare dai valenti fabbri ferrai campobassani 24 "macchine" o ingegni: strutture in ferro fucinato dallo sviluppo verticale, alberi di ferro ai cui rami sono poste imbracature che accolgono e sostengono i bambini che rappresentano madonne angeli santi e diavoli. La scelta dei Santi e dei Dogmi portati in processione, rappresentati secondo l'iconografia tradizionale, riflette caratteri e aspetti della struttura sociale ed economica di Campobasso nel Settecento: Sant'Isidoro protettore dei contadini, San Crispino degli artigiani, San Leonardo che difende gli innocenti e San Rocco gli ammalati.
Dei 24 ingegni iniziali, sei si ruppero subito e altri sei andarono persi a causa del terremoto del 1805. Durante la processione le strutture sono portate a spalla secondo un ritmo cadenzato, sottolineato dalle note della Marcia del Mosè di Rossini, che ormai segna in modo inequivocabile l'intera manifestazione. E così, sotto lo sguardo stupito, commosso e meravigliato dei partecipanti, avanzano, lungo le strette stradine del centro storico della città, apparizioni piene di bambini che sembrano muoversi sospesi nel vuoto, avvolti dalla luce di fine primavera.
Il Museo è il cuore di tutto questo: qui ha luogo l'affascinante fase della vestizione e preparazione dei figuranti, da qui la processione parte e poi rientra e qui sono conservati, durante l'anno, gli ingegni. Grazie a un attento e studiato allestimento, il visitatore può rivivere in qualsiasi momento, attraverso immagini fotografiche, video, esposizioni di costumi e mostre a tema, l'antica ma sempre attuale tradizione dei bambini sospesi che raccontano le storie della fede.

 
Carrese

Suggerimenti di Viaggio

Al viaggiatore curioso di tradizioni, che vuole calarsi completamente in momenti forti della vita e della storia nella nostra regione, consigliamo innanzitutto di godersi il passaggio della Processione del Corpus Domini nelle strette vie del centro storico e poi di partecipare alle feste tradizionali delle comunità croate e arbëreshë presenti sul nostro territorio. Di forte impatto emotivo sono le Carresi che si tengono a primavera in alcuni dei paesi di origine e lingua arbëreshë (Montecilfone, Ururi, Portocannone, Campomarino): corse di carri trainati da buoi che gareggiano per ottenere il posto d'onore nella successiva processione religiosa. Il primo maggio si svolge ad Acquaviva Collecroce, uno dei tre comuni di origine croata con Montemitro e San Felice del Molise, la festa di primavera che è celebrata cantando e ballando intorno a un pupazzo dalla forma di cono ricoperto di fiori, il maj, che attraversa le strade del paese sostando alle tavole imbandite con cibi tradizionali davanti agli usci di casa.

 
Pagliara Maje Maje, Fossalto

Suggerimenti Adriamuse

La personificazione di Maggio, che ricoperto di fiori annuncia l'arrivo della stagione del risveglio della natura, a Fossalto è la Pagliara maje maje, e lungo il suo passaggio è bagnata di acqua gettata dai balconi come segno di purificazione e rinascita.

 

Fonti e bibliografia

Lalli R., "La sagra dei Misteri a Campobasso", Campobasso, 1985.
Rubino E., "Campobasso e la processione dei Misteri nei secoli", Campobasso, 1986.

Accessibilità

Come arrivare: nel centro urbano.
Orario di visita:  aperto nei giorni feriali dalle 16.00 alle 18.00.
Biglietto: ingresso gratuito.
Informazioni e Prenotazioni: in altri orari e nei giorni festivi si accettano prenotazioni.
Persone diversamente abili: accesso libero.
Scuole e gruppi: max 40 persone.

Servizi

Servizi aggiuntivi: sala video.

Contatti

Telefono: 3285556549
                 3209303679
Email:  info@misterietradizioni.com
museo@misterietradizioni.com