1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Portale turistico della Provincia di Campobasso - Pagina iniziale

Testata per la stampa
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
 

Contenuto della pagina

Il Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari di Riccia

Ovunque vado in Molise ho un tetto, ho un letto, ho una mensa, ho le favole.

Giose Rimanelli

Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari, Riccia

Indirizzo:
Via del Castello
86016 Riccia (CB)

 
Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari, Riccia

MUSEO DELLE ARTI E TRADIZIONI POPOLARI DI RICCIA. TRA LE TRAME DEL PASSATO

Percorrere la strada che porta a Riccia richiama alla mente il fascino di un tempo antico, in cui i colori dei campi di grano e il verde del bosco, amplificano la suggestione della scoperta della torre, simbolo della comunità, che ancora oggi si staglia sulla parete rocciosa a strapiombo, resa invalicabile dal torrente Succida. E così si giunge nel cuore del centro storico, il Piano della Corte, un complesso architettonico di impianto rinascimentale composto dalla Torre Di Capua, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, l'antico Magazzeno e l'insieme delle abitazioni che un tempo costituivano la corte del Castello. Nel punto più alto della piazza è situato il Magazzeno, il deposito del grano dei signori del paese, un edificio storico che si sviluppa su due livelli, sede del Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari di Riccia, in cui sono esposti circa 1000 oggetti d'uso comune che raccontano le abitudini e le pratiche quotidiane che hanno caratterizzato gli ultimi due secoli di vita riccese. L'Associazione culturale "Tempo e Memoria" si è adoperata, con passione, al recupero e allestimento degli oggetti che oggi costituiscono questa eccezionale collezione etnografica. La storia del Museo nasce nel 1996, quando la giunta comunale decise di utilizzare gli ambienti del Magazzeno per accogliere la collezione. Nasceva così il primo nucleo del museo che oggi si è arricchito di ulteriori arredi, strumenti, macchinari, alcuni dei quali oramai scomparsi. Il Museo risulta così una struttura attiva, pronta a rinnovarsi e a ospitare ulteriori segni e tracce dell'uomo e della storia di Riccia.
La prima sensazione che si prova entrando nel museo è di essere completamente assorbiti dalla enorme quantità di oggetti presenti. Gli arnesi, realizzati con materiali poveri come pietra, legno, cuoio, terracotta, richiamano l'attenzione del visitatore che, incuriosito, cercherà di comprenderne l'uso. A pian terreno sono visibili strumenti riguardanti la produzione del grano, dell'olio e del vino e oggetti utilizzati nelle attività artigianali locali. In particolare, la grande vasca scavata nella pietra, "u Paleménte" riporterà alla mente i gesti legati alla pigiatura dell'uva per la produzione del vino. Di recente sono stati donati dagli eredi alla Amministrazione Comunale alcuni macchinari a motore del lanificio Palmieri. Nel piano superiore sono esposti oggetti di vita quotidiana: rasoi, telefoni, giornali, strumenti, musicali, un vecchio telegrafo del 1914, strumenti da cucina. Sulle pareti, una serie di fotografie risalenti al secolo scorso immortala scene di vita locale e completa l'esposizione.
Molto affascinante è la ricostruzione di una camera matrimoniale del primo Novecento con mobili, giochi, telai, stoffe e abiti da sposa.  Il nuovo ambiente del Museo, quello a ridosso della cortina esterna del Castello, si è trasformato in una bottega del ciabattino in cui trovano posto attrezzi e strumenti, scarpe antiche e il Manuale del Calzolaio del 1929. Il Museo etnografico di Riccia è tra le migliori esposizioni della Provincia di Campobasso per la sua capacità di rievocare il sapore di una quotidianità antica fatta di gesti, costumi e usi che, grazie alla organizzazione espositiva, valorizzano e conservano le tradizioni etnografiche di Riccia.

 
Festa dell'Uva, Riccia

Suggerimenti di viaggio

La ricchezza del territorio di Riccia trova nella Festa dell'Uva la celebrazione di un prodotto della terra locale che non puoi perdere. Ogni anno a settembre, lungo le strade del paese, sfilano vere e proprie installazioni sceniche in cui le persone, in costumi tradizionali, ripetono i gesti della tradizione agricola e domestica. Come in un museo interattivo, ogni carro coinvolge la folla offrendo vino e vivande tipiche della cucina riccese, il tutto preparato con gli strumenti di un tempo che, sopra i carri erranti, traggono nuova vita. Per conoscere meglio il territorio e l'evoluzione di questo paesaggio, il Museo Civico di Storia Naturale di Macchia Val Fortore racconta l'habitat in cui vivono gli ultimi esemplari di lontra in Italia e proprio una lontra, simbolo del museo, ti guiderà durante la narrazione.

 
Festa di San Giuseppe, Riccia

Suggerimenti Adriamuse

Nel giorno della Festa di San Giuseppe, nelle vie del paese si diffondono i profumi provenienti dalle cucine, laboratori culinari in cui sono preparate non meno di 13 pietanze, servite per celebrare la Sacra Famiglia.

 

Fonti e bibliografia

Amorosa B., "Riccia nella storia e nel folklore", Casalbordino, 1903.

Accessibilità

Come arrivare: nel centro urbano.
Orario di visita: su prenotazione
Biglietto: ingresso gratuito.
Persone diversamente abili: possibilità di accesso.
Informazioni e prenotazioni: Pro-Loco di Riccia.

Servizi

Servizi aggiuntivi: laboratori didattici di Tombolo, Cantù, Cestai e Tessitura.
Biblioteca
Guardaroba
Caffetteria